':
america-contro-il-cibo-spazzatura-nelle-scuole

L’America contro il cibo spazzatura nelle mense scolastiche

L’USDA, il Ministero dell’Agricoltura Americano, ha qualche settimana fa varato una legge che di fatto prescrive alle mense scolastiche l’adozione di menù che prevedano cibi a base di cereali integrali e verdure, e sostituire, in parte, le solite porzioni di patatine, carni rosse e prodotti elaborati da farine raffinate. Una rivoluzione che è quasi passata inosservata ai media, ed in Italia, come sempre, qualche cenno è stato dato, facendo attenzione a non indispettire qualcuno. Il perché di questo atto, proprio da parte della patria del JUNK FOOD, si spiega con la politica di razionalizzazione della spesa sanitaria americana. Difatti obesità dilagante e cibo spazzatura in America, sono la causa principale dei problemi di salute. Le cifre indicano che l’obesità è un problema reale di salute pubblica che è costato, nel 2008, 147 miliardi di dollari alla società. Le conseguenze sono numerose, con effetti sulla salute (malattie cardiovascolari, diabete, ipertensione, …), effetti psicologici ( depressione, …) e effetti sociologici (sociali, familiari, …).

The 2011 Children’s Food Environment State Indicator Report mette in evidenza comportamenti, ambienti, e le politiche che influenzano l’obesità infantile attraverso il sostegno di un sano mangiare. Questi indicatori hanno rappresentato opportunità di azione per la decisione presa dall’USDA. I risultati di questa relazione sono dettagliate in questo portale:  http://www.cdc.gov/obesity/. Vediamo in dettaglio cosa è emerso.

Quali sono le cause dell’obesità infantile?

L’obesità infantile è il risultato di troppe calorie ingerite senza fare abbastanza attività fisica.
La società americana è caratterizzata da ambienti che promuovono l’aumento del consumo di cibi meno sani e l’inattività fisica. Sia in famiglia che nelle scuole, la consuetudine anche tra gli adulti è quella di approfittare di ogni pausa per fare uno spuntino veloce e bere coca o altre bevande gassate.

Sugar drinks and less healthy foods on school campuses. About 55 million school-aged children are enrolled in schools across the United States, and many eat and drink meals and snacks there. Yet, more than half of U.S. middle and high schools still offer sugar drinks and less healthy foods for purchase. Students have access to sugar drinks and less healthy foods at school throughout the day from vending machines and school canteens and at fundraising events, school parties, and sporting events.”

Bevande zuccherate e cibi meno sani nei campus scolastici. Circa 55 milioni di bambini in età scolare sono iscritti nelle scuole di tutti gli Stati Uniti, e molti mangiano e bevono pasti e spuntini lì. Gli studenti hanno accesso alle bevande zuccherate e cibi meno sani a scuola tutto il giorno presso i distributori automatici e mense scolastiche e in occasione di feste ed eventi sportivi.
Quasi la metà delle scuole medie e superiori consente la pubblicità dei cibi meno sani,  che incide sulla capacità degli studenti di fare scelte alimentari sane. Inoltre, gli alimenti ad alto contenuto di calorie, zuccheri, sale e grassi, e poveri di sostanze nutritive, sono molto pubblicizzati e commercializzati attraverso i media rivolti a bambini e adolescenti, mentre la pubblicità per alimenti più sani è quasi inesistente in confronto. Più di 12 milioni di bambini regolarmente trascorre buona parte del tempo strutture di assistenza all’infanzia al di fuori della famiglia. Tuttavia, non tutti gli Stati fanno ricorso a regolamenti di licenza per garantire che le strutture incoraggino un’alimentazione più salutare e attività fisica.

Solo il 18% degli studenti nei livelli scolastici 9-12 seguono la raccomandazione di dedicare almeno 60 minuti al giorno all’attività fisica e nel 2009 solo il 33% degli studenti seguiva quotidianamente la classe di educazione fisica. Molte comunità sono costruite in modo da rendere difficile o pericoloso l’accesso all’attività fisica. Per alcune famiglie, arrivare a parchi e centri ricreativi può essere difficile, e il trasporto pubblico spesso non è disponibile. Per molti bambini, percorsi sicuri per passeggiate a piedi o in bicicletta a scuola o di gioco non può esistere.

Accesso limitato ai cibi sani a prezzi accessibili.

Alcune persone hanno meno accesso a negozi e supermercati che vendono cibo sano e conveniente come frutta e verdura, in particolare nelle zone rurali e nei quartieri a basso reddito. La scelta di alimenti sani è difficile per i genitori che vivono in aree con una sovrabbondanza di rivenditori di generi alimentari che tendono a vendere alimenti meno sani, come ad esempio supermarket e fast food.
Maggiore è la disponibilità di alimenti calorici e bevande zuccherate. Un recente studio ha dimostrato che tra i bambini, una dieta ad alto potere calorico è associata ad un rischio più alto di grasso corporeo in eccesso durante l’infanzia. Le bevande zuccherate  sono la maggiore fonte di zuccheri aggiunti e un importante contributo di calorie nella dieta dei bambini. In una giornata tipica, l’80% dello zucchero assunto dai giovani proviene dalle bevande. Inoltre, le dimensioni delle porzioni di cibi e bevande meno sani sono aumentati nel corso del tempo in ristoranti, negozi di alimentari, e distributori automatici.

Mancanza di allattamento al seno.

L’allattamento al seno protegge contro il sovrappeso nell’infanzia, tuttavia  negli Stati Uniti, mentre il 75% delle madri inizia l’allattamento al seno, solo il 13% dei bambini sono allattati esclusivamente al seno, alla fine dei 6 mesi. Il tasso di successo tra le madri che vogliono allattare al seno può essere migliorata grazie al sostegno attivo da parte di  famiglia, amici, comunità, medici, dirigenti sanitari, datori di lavoro e politici.

Televisione e media.

Bambini tra 8-18 anni di età trascorrono una media di 7,5 ore al giorno, usando mezzi di intrattenimento, tra cui TV, computer, videogiochi, telefoni cellulari, e film, di cui circa 4,5 ore è dedicato alla TV. Non solo sottraggono tempo all’attività fisica, ma la TV influenza i bambini a compiere scelte alimentari più o meno salutari attraverso l’esposizione a pubblicità alimentari.

Da questi studi e premesse sono stati quindi rivisti i rapporti sull’obesità negli Stati Uniti e sono state intraprese le prime azioni (Agricultural research / Food Science – Review of obesity in the United States and first actions in schools for 2012 (source)).

E ‘ormai chiaramente dimostrato che il rischio obesità deve essere controllato in tenera età perché le abitudini alimentari si determinano prima dei 10 anni di età. Michelle Obama per prima si è attivata per migliorare la dieta dei bambini. Nuovi standard sono stati definiti e firmati dal Presidente Obama. Questi requisiti si basano sulle seguenti regole:

  • Frutta e verdura giorno per i bambini;
  • Più prodotti composti da cereali integrali;
  • Meno grassi e prodotti lattiero-caseari;
  • I prodotti vengono valutati in base al contenuto di acidi grassi trans, acidi grassi saturi e sodio;
  • Porzioni adatte ai bambini;
  • Un numero adeguato di calorie.

Il programma sarà attuato a partire dall’anno scolastico 2012-2013 con 32 milioni di bambini della  scuola pubblica o privata. Il bilancio stimato è di circa 3,2 miliardi dollari in cinque anni. Queste modifiche verranno applicate in primo luogo per il pranzo e poi saranno estese sino alla colazione.

Naturalmente questi cambiamenti implicano:

  • Un aumento del prezzo dei pasti di 6 centesimi (che è rimasto invariato per 30 anni di aggiudicazione);
  • Prezzi standard in modo che i costi siano stabilizzati.
  • Azioni di formazione e consulenza alle scuole (anche per la preparazione dei pasti);
  • Adozione di norme di nutrizione come la sostituzione dei prodotti grassi e dolci in distributori automatici o la varietà del cibo e menù proposti nelle mense.

Certo non sono state del tutto vietate le patatine fritte e i distributori automatici di snacks non sono ritenuti più responsabili dell’ambiente famigliare, però è un grosso passo avanti, fatto in tempo di crisi. In America programmano: sanno benissimo che investendo ora sull’educazione alimentare dei ragazzi, si ritroveranno domani con una popolazione più consapevole e minori costi sanitari per il contribuente.

Proprio come in Italia, vero?

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons

Chi sono

Io sono Bodhi che appunto deriva da Bodhisattva, "colui che cerca di conseguire l'illuminazione', io in verità, cerco solo l'essenza di uno stile di vita che mi metta in armonia con la vita e con la natura. Continua a leggere nel mio profilo

Copyright 2014 Profondofud · RSS Feed · Accedi

The Verbage Theme v2 by Organic Themes · WordPress Hosting

Organic Themes