Novità sulle certificazioni BRC e IFS per i mercati europei

ifs-brc-iso-22000-european-certification

Calo drastico della domanda dei beni di consumo, diminuzione del potere di acquisto, recessione, sono gli scenari che spaventano le aziende alimentari italiane. La stagnazione della domanda interna spinge quindi i produttori ad affacciarsi verso mercati più redditizi e affidabili come quello nord-europeo. Molto spesso la possibilità di aprirsi a questi canali viene data dalle grandi catene di distribuzione, con due opzioni: vendere con proprio marchio oppure con quello del distributore stesso. Avete presente i vari prodotti alimentari con il marchio della catena di Distribuzione?…

Certificazioni ISO 22000, BRC e IFS: cosa sono?

All’inizio c’erano solo la ISO 9001 e la ISO 14000, le certificazioni di sistema, che garantivano i processi e l’organizzazione. Nel settore agroalimentare, con i principi base della nuova normativa, l’attenzione è stata spostata di più sui prodotti. Sono poi arrivate le esigenze della Distribuzione e delle private labels; la GdO spinge le aziende fornitrici e propri consulenti verso standard unici di sicurezza alimentari. I private labels (Marche Private della GDO) qualificandosi come aziende di marca e facendo arrivare i propri marchi sulla tavola dei consumatori,…

Audit presso fornitori: la regola dei cinque minuti

Mi appresto ad un periodo di Audit per ispezioni e consulenze in giro per la Puglia: ispezioni COOP, verifiche ispettive ISO 9001, BRC, IFS. Molti di voi, anche qui in Puglia, avranno già dimestichezza con queste lunghe ed estenuanti verifiche, dalle certificazioni, agli audit per diventare fornitori o copacker dei vari COOP, Carrefour, Auchan, troppo incentrate sulla visione dei documenti e delle registrazioni, condotte spesso da saccenti professionisti (non tutti per la verità) che si appoggiano alle carte per non franare sulla propria scarsa conoscenza del…

I negozi del Km Zero

  Come garantire i prezzi ai produttori dei prodotti agroalimentari? Seguendo l’esempio della Regione Lazio: i prodotti tipici e i prodotti biologici della regione sono in vendita diretta nei 160 mq del negozio di via Provolo, 34 a Roma; è questo “Lazio a Tavola”, il primo dei quindici negozi a filiera corta aperto nella capitale con i fondi del programma di sviluppo rurale della regione. 29 aziende si sono unite per dar vita a questa iniziativa. Per approfondire, leggi l’articolo. Creare un progetto di filiera…

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons

Copyright 2014 Profondofud · RSS Feed · Accedi

The Verbage Theme v2 by Organic Themes · WordPress Hosting

Organic Themes